Ghostwriter e ghostwriting – Scrivere su commissione


Un ghostwriter è qualcuno che scrive testi o musica su commissione senza però essere indicato come l’Autore.

Ghostwriter è un termine inglese che significa scrittore fantasma ed è chiaro che descrive la situazione. È anche utilizzato, però, per scrittori il cui contributo è riconosciuto, non veri e propri “fantasmi”.

In italiano esistono due termini per descrivere la condizione di ghostwriter ma sono assai meno descrittivi: uno è negro, l’altro è poligrafo. Entrambi sono in disuso per questa occupazione. “Poligrafo” oggi indica una mansione nel settore tipografico e dei media; “negro” porta con sé un’idea di sfruttamento che non è professionale.

Io sono un ghostwriter, quando scrivo per altri, anche se in genere non mi definisco così.

Se qualcuno mi chiede che lavoro faccio, rispondo che correggo testi e scrivo su commissione. Niente titolo! Se mi limito a dire che sono una scrittrice, tutti pensano che io mi occupi di letteratura o di scrittura creativa ma non è così: mi occupo di scrittura divulgativa e tecnico-scientifica.La maggior parte del mio lavoro si è svolto finora con docenti universitari o gruppi di lavoro, pure universitari, e con Centri studi o associazioni di categoria

Scrivere su commissione non significa essere sempre nella posizione del ghostwriter. Alcuni dei testi che ho scritto sono stati pubblicati col mio nome. Sono quelli che ho caricato nel sito come esempi.

Annunci

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: