Scrivere su commissione

A volte, navigando, mi imbatto nei blog di persone che dicono di non saper scrivere su commissione oppure di farlo ma di ritenersi “killer di parole” (testuale) e qualcuno si lamenta del PayPerPost.

Io:

– so scrivere su commissione

– amo farlo

– apprezzo l’essere pagata per farlo (anche se non ho problemi a farlo gratis)

– penso che le parole sono strumenti e che le si ammazza usandole male, non usandole e basta.

Una delle più grandi soddisfazioni del mio precedente lavoro consisteva nel fatto che la gente veniva da me con le idee confuse riguardo alle politiche europee e ne usciva ringraziandomi perché finalmente aveva capito.

La stessa capacità di spiegare in termini semplici le astratte follie dell’Unione europea io la conservo nello scrivere, di qualunque cosa che sia “data”, cioè sia costituita di fatti, di numeri, di carne, in un certo qual modo.

Prendere il noioso rapporto di un direttore per l’assemblea soci di fine anno e farlo diventare un discorso scorrevole –

Scrivere un manuale per permettere agli operatori di un nuovo software di lavorare in maniera efficiente, così che possano portare a termine il loro compito entro l’orario di lavoro e tornare a casa dai loro cari-

Elaborare una scheda di normativa per i clienti di uno studio o i soci di un’associazione di categoria –

Eccetera –

a me piace scrivere per questo.

Di contro:

– detesto scrivere menzogne

– sono incapace di polemizzare

– sono intollerante quando si tratta di ortografia

– anche a me il PayPerPost sembra poco serio.

Non scriverò mai un romanzo, perché il talento che ho non è di quel genere. A me però non interessa scrivere romanzi, ma raccontare le cose che ci sono.

scriba

Annunci

2 commenti

  1. Piera said

    Ho aperto questa pagine per caso. Chi scrive? E` questo un blog? Mi piacerebbe partecipare ad un blog italiano.
    L’articolo mi e` piaciuto, ho un figlio che si e` appena laureato in giornalismo, scrive articoli con l’internet. Credo anch’io che scrivere su commissione e` un buon lavoro. Arrivederci a presto. Piera

    • noradlf said

      Ti ringrazio, sono contenta che l’articolo ti sia piaciuto.
      Questo è un blog nella forma ma mi serve soprattutto come sito per mostrare il mio lavoro, nelle pagine elencate a destra.
      Gli amici che passano a salutarmi sono i benvenuti ma non ci sono discussioni.
      Posso invitarti all’Osteria Volante? E’ un blog italiano partecipato: http://osteriavolante.myblog.it/.
      Ne riporta anche molti altri.
      Congratulazioni e in bocca al lupo a tuo figlio.
      Ciao,
      Umberta

RSS feed for comments on this post

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: