Buona Pasqua

.

L’annuncio cristiano risponde positivamente alla sete di giustizia dell’uomo.
Quale è dunque la giustizia di Cristo?
E’ anzitutto la giustizia che viene dalla grazia, dove non è l’uomo che ripara, guarisce se stesso e gli altri.
Convertirsi a Cristo significa in fondo proprio questo: uscire dall’illusione dell’autosufficienza per scoprire e accettare la propria indigenza, esigenza del suo perdono e della sua amicizia. Benedetto XVI

Ecco dunque il punto: Dio si è commosso per il nostro niente.
Non solo: Dio si è commosso per il nostro tradimento, per la nostra povertà rozza, dimentica e traditrice, per la nostra meschinità, come un padre e una madre che piangono di commozione, di un pianto totalmente determinato dal desiderio del bene del figlio, del destino del figlio.
È una compassione, una pietà, una passione. Ha avuto pietà per me. Don Giussani

2 commenti

  1. melchisedec said

    Auguri, Umberta! Pensavo anche tu avessi deciso di disertare la blogsfera.

    • noradlf said

      Il mio modem aveva deciso così, in effetti, ma io non ero tanto d’accordo.

RSS feed for comments on this post

I commenti sono chiusi.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: