Come si accentano le parole greche?

In latino gli accenti non si scrivono. Uniche eccezioni, per quel che ne so, il latino liturgico e i testi latini sugli spartiti, dove l’accento è sempre acuto, indipendentemente dalla pronuncia.

Ma le parole greche traslitterate come si accentano?

Ho appena visto un lógos e una téchne. Qualcosa mi dice che non va bene. Lo Zingarelli riporta logos senza alcun accento. (*)

Il libro della Cammarata stranamente non mi è d’aiuto. Vediamo se una sorella laureata in filosofia può essere utile.

Guardando il testo che mi presta (casa editrice Paravia), mi sembra di poter inferire che:

– se la parola ha l’accento sulla penultima sillaba (è piana, come è normale in italiano), l’accento non si scrive;

– se la parola è accentata sull’ultima sillaba (è tronca), l’accento si scrive secondo la pronuncia, perciò sarà grave o acuto.

L’ho chiesto all’Accademia della Crusca.

Nel frattempo, spero che non mi capitino parole sdrucciole.

Aggiornamento: è arrivata anche la sdrucciola.

.

(*) Come vocabolo, intendo. Quando le parole greche sono scritte nell’etimologia di un vocabolo, l’accento c’è sempre.

Annunci

2 commenti

  1. melchisedec said

    Sarebbe corretto mantenere l’accento greco, anche quando il lemma viene translitterato usando le lettere italiane, tant’è che, come si può osservare in molti buoni dizionari, l’etimo riportato mantiene sempre l’accento greco; è il caso di logós. Tuttavia che succede? Spesso la parola è entrata nell’uso della lingua italiana e ha scisso i legami con l’antica madre, assumendo un accento diverso, confacentesi alle regole della lingua d’arrivo. In filosofia, infatti, il termine lògos presenta l’accento grave, ma se devo indicare l’etimo per buon senso dovrei porre l’accento acuto.Sarebbe consigliabile consultare il dizionario di greco per evitare di incappare in “errori”. Si tratta di due sistemi fonetici differenti(greco-italiano) con lo zampino, oltretutto, del latino, che non pochi equivoci ha generato e genera.
    Altro non ricordo.

    • noradlf said

      Grazie, Mel.
      Già, credo che il problema nasca proprio dalla pronuncia, diciamo, corrotta. E questo mi fa sospettare che potrebbe essere un problema irrisolto… nel qual caso, lo risolverò a modo mio. Certo non con gli accenti tutti acuti, come leggevo in quel testo.

RSS feed for comments on this post

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: