Accidenti ai giornalisti! Pensavo di essermi rimbambita e invece…

… e invece no, la prua era quella lì.

Parlo della Costa Concordia, naturalmente, e di che altro? Impossibile evitarla, visto che a casa mia il tg si guarda durante pranzo e cena (più altri nella giornata ma quelli li evito, sì).

Non riuscivo a capacitarmi della posizione della nave rispetto allo scoglio su cui aveva impattato e mi pareva di esser diventata incapace di distinguere la prua dalla poppa. Invece no, la prua l’avevo individuata, solo che la nave era in quella posizione lì perché ha fatto testacoda. Mai provato a far testacoda con un’automobile? Freno a mano e sterzata. Ecco, si fa anche con le navi ma è un po’ più difficile.

I miei dicono che l’avevano già sentito raccontare ma soltanto una volta, il primo giorno, e poi non più. Dev’essere stato in uno dei tg che riesco ad evitare. Dopo, i giornalisti mi son parsi troppo occupati a gettar merda sul comandante per poter raccontare le cose in maniera dignitosa.

Per fortuna che qualcuno al Giornale si è finalmente svegliato.

Il Giornale, Ecco il video della Concordia Dimostra che la manovra è stata un vero salvataggio, di Fausto Biloslavo – 22 gennaio 2012

P.S. Ovviamente, si può replicare “Questo non vuol dire che la manovra l’abbia fatta il comandante”. Verissimo ma non vuol dire neppure il contrario. O no? Qui non è questione di chi ha fatto che cosa, ma delle fesserie che i giornalisti spandono per il mondo. Non solo i giornalisti, certo, ma i primi responsabili sono loro, visto che informare è compito loro e se lo sono scelto liberamente, anche. Devo specificare “informare correttamente”?

Annunci

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: