Libertà di parola

Non sono mai stata un’ammiratrice di Umberto Eco (che riposi in pace).

Forse è perché non ho letto niente di suo tranne i due romanzi, Il nome della rosa e Il pendolo di Foucault; il primo non l’ho trovato degno di tutti i miracoli che gli si son fatti intorno e il secondo è di una noia mortale – l’unica cosa che mi ricordo, oltre alla noia, è che mi fece scoprire, nei tardi anni Ottanta, l’esistenza di case editrici che puoi pagare per farti pubblicare un libro.

Ma forse è perché anche da un romanzo posso capire qualcosa di chi lo ha scritto, più precisamente del modo con cui guarda il mondo e la realtà.

Comunque sia, quando è morto, vari servizi televisivi hanno mostrato quel famoso pezzetto di video in cui dice che internet è certo una gran cosa ma ha pure dato voce a un sacco di imbecilli. Questa affermazione, a cui applaudire è fin troppo facile, anche per persone intelligenti, mi ha dato fastidio.

A parte che molti di quegli “imbecilli” sono stati educati (da vicino o da lontano) proprio da gente come lui, l’affermazione è irritante se hai un’idea di libertà come caratteristica dell’essere umano in quanto tale, dunque di ogni essere umano, inclusi gli imbecilli.

A me non dà particolarmente fastidio che uno scriva idiozie su internet. Mi seccherebbe moltissimo essere costretta a leggerle, questo sì. Ma non biasimo che ci siano sciocchezze in internet. La loro presenza fa parte della natura del mezzo. Nel momento in cui inventi qualcosa e la metti a disposizione degli altyri, essa è a disposizione di chiunque, buono o cattivo. Gli antichi dicevano che abusum non tollit usum, l’abuso non elimina l’uso: perché una cosa utile può essere usata male ma l’uso sbagliato (abuso) non può eliminare la possibilità per altri di usarla nel modo giusto. Solo che noi ce ne stiamo dimenticando.

La mia posizione, però, era parziale e superficiale.

Come dicevo, se anche penso che ciascuno possa scrivere idiozie come vuole, mi seccherebbe tantissimo essere costretta a leggerle. Forse il professor Eco si era trovato costretto a leggerne tante e aveva sviluppato una particolare antipatia, chissà.

Negli stessi giorni della sua morte, stavo finendo la revisione del Robert Browning di Chesterton, che ho tradotto e che sarà pubblicato tra qualche settimana. Mi è ricapitata sott’occhio proprio allora, guarda il caso, una frase da cui ho capito che la mia posizione era un po’ troppo parziale.

La libertà di parola è un’idea che oggigiorno gode di tutta l’impopolarità di un truismo; e così tendiamo a dimenticare che non è passato molto tempo da quando essa aveva l’assai più concreta impopolarità di cui gode una verità nuova.

L’ingratitudine è senz’altro il principale di tutti i peccati intellettuali dell’uomo. Egli dà per scontati i benefici politici di cui gode così come dà per scontati il cielo e le stagioni. Egli considera la tranquillità di una via cittadina altrettanto immancabile quanto la tranquillità di una radura in un bosco, mentre invece la via è mantenuta tranquilla solo da uno sforzo prolungato simile a quello che tiene viva una battaglia o un duello alla spada. Come dimentichiamo il nostro posto in relazione ai fenomeni naturali, così lo dimentichiamo in relazione ai fenomeni sociali. Dimentichiamo che la terra è un corpo celeste e dimentichiamo che la libertà di parola è un paradosso.

Non è affatto evidente che un istituto come la libertà di parola sia corretto o giusto. Non è naturale né ovvio lasciare che un uomo blateri sciocchezze e abominii che tu ritieni pessimi per l’umanità più di quanto sia naturale e ovvio lasciare che un uomo si metta a far buche sulla pubblica via o infetti mezza città con la febbre tifoide. La teoria che sta dietro alla libertà di parola – e cioè che la verità sia così tanto più ampia e strana e sfaccettata di quanto possiamo sapere, e che è assai meglio ascoltare la versione di ciascuno, costi quel che costi – è una teoria che è stata nel complesso giustificata dall’esperienza ma che rimane una teoria assai audace e perfino assai sorprendente. È davvero una delle grandi scoperte dell’epoca moderna; ma, una volta riconosciuta, è un principio che non tocca solo la politica ma anche la filosofia, l’etica e infine la poesia.

Browning è tutto sommato il primo poeta ad applicare tale principio alla poesia. Egli percepì che se desideriamo narrare la verità a proposito di un dramma umano, dobbiamo raccontarlo non semplicemente come un melodramma in cui il cattivo è cattivo e il comico è comico. Vide che la verità non era stata narrata finché egli non aveva visto nel cattivo il puro e disinteressato gentiluomo che molti cattivi ritengono fermamente di essere, o finché non aveva considerato il comico tanto seriamente quanto i comici sono soliti considerare sé stessi. E in questo Browning è oltre ogni dubbio il fondatore della moderna scuola poetica.

­— G.K. Chesterton, Robert Browning, cap. VII “The Ring and the Book” (il neretto è mio)

 

L’essenza della libertà di parola non è semplicemente che uno sia libero di scrivere o dire idiozie. L’essenza vera della libertà di parola è che ci sia un altro disposto ad ascoltare cordialmente (mettendoci il cuore, cioè) fino in fondo quelle idiozie perché ritiene che in esse ci possa essere della verità.

Io non sono disposta ad ascoltare le idiozie e questo rende la mia posizione in fin dei conti simile a quella di Eco: lui disprezzava gli imbecilli, io disprezzo solo ciò che dicono o scrivono, ma sempre disprezzo è.

 

 

 

 

 

I commenti sono chiusi.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: