Avvento

Il Natale si chiama così perché il 25 dicembre noi cristiani ricordiamo la nascita di Gesù, ricordiamo che Dio un giorno è nato come uomo; il giorno in cui uno nasce si chiama in latino dies natalis, da cui Natale.

Se avessimo voluto commemorare qualcos’altro, la festa avrebbe un altro nome. Visto che nel periodo intorno al solstizio d’inverno c’è sempre stata qualche festa, avremmo avuto solo l’imbarazzo della scelta. A noi però interessava e interessa quell’Avvenimento e non qualcos’altro: Dio che viene a farci compagnia nel mondo come un uomo.

Siccome ci interessa molto, ci prepariamo alla festa con un periodo appositol’Avvento.

Avvento deriva da una parola degli antichi Latini, adventus, che indicava il momento in cui la divinità entrava nel tempio ad essa dedicato. Noi cristiani invece la usammo per indicare non il momento dell’arrivo del Bambino (anche perché il momento del Suo ingresso nel mondo è il momento del concepimento, che celebriamo il 25 marzo con la festa dell’Annunciazione), ma il tempo di attesa che precede la nascita. Questo per tre motivi:

* perché all’inizio ci fu un’attesa, una duplice attesa: l’attesa del Messia, da parte del popolo di Israele, ma anche l’attesa molto concreta del parto;

* perché attendiamo che Gesù torni alla fine dei tempi, come lui stesso ha promesso;

* e per imparare ad attendere e chiedere che venga ogni giorno, come dice il “Padre nostro”: venga il tuo Regno. Il Regno è Gesù stesso.

Tutto il calendario liturgico serve a questo: nel corso dell’anno ci mette davanti agli occhi ora quel tema e ora quell’altro, con l’obiettivo di arrivare a vivere ogni giorno le cose su cui ci concentriamo nei vari periodi. L’idea generale, insomma, è che ogni giorno facciamo memoria della venuta di Gesù (Natale), della Passione e della Risurrezione (Pasqua), della vita oltre la morte, con i suoi premi e i suoi pianti (le feste dei Santi e dei Morti) e così via.

Le circa quattro settimane di Avvento che precedono il Natale, così come le settimane di Quaresima, servono per imparare ad attendere e chiedere; non per niente, uno dei canti principali dell’Avvento è il Rorate caeli desuper, nelle sue varie versioni.

A che serve, però? Se lo so già, che Natale viene e che Gesù è nato eccetera, a che serve prepararmici? E tutti gli anni, per giunta?

Piccolo principe volpe

Se per esempio verrai alle quattro del pomeriggio,
già dalle tre io comincerò a essere felice.

Più il tempo passerà e più mi sentirò felice.

Finché alle quattro sarò tutta agitata e in apprensione:
scoprirò il valore della felicità!

Ma se vieni quando capita,
non saprò mai a che ora vestirmi il cuore…

—la Volpe al Piccolo Principe, capitolo XXI

 

Ci occorre una preparazione per gustare le cose belle, altrimenti dopo un po’ non c’interessano più.

C’è il rischio che uno dica “va be’, ma tanto lo so che è venuto, che è risorto” e in questo modo, anche se lo sa, nella vita quotidiana se lo scorda e smette di chiedere che riaccada e smette di essere felice del fatto che è accaduto e accade.

Si tratta di un’evidenza sperimentale, non di un’ipotesi o di una fissa clericale: ognuno ha qualche esperienza di cose che “sapeva già” e che gli sono diventate insignificanti, che ha cominciato a dare per scontate o magari a trovare fastidiose. Non devono per forza essere cose importanti. Funziona così con tutto.

Un buon Avvento a chi attende e a chi non attende niente.

(28 novembre 2015)

I commenti sono chiusi.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: