Archive for esercizi

Parole e musica

Non me la sto tirando, giuro. E spero che nessuno si offenda perché parlo così senza appartenere al “mondo della scuola”. Ma per me il mondo è uno solo… e comunque a scuola ci ho passato tredici anni.

SCUOLA/ I testi di Renga, Arisa, Noemi, & co: se a Sanremo le parole non “suonano” più, IlSussidiario.net, 23 febbraio 2014

.

P.S. L’enjambement non è una figura retorica, veramente; ma faceva parte degli strumenti di tortura del mio insegnante di letteratura italiana quando si apriva la Divina Commedia, così io lo associo sempre alle figure retoriche.

Commenti disabilitati

Analisi del testo: Non è l’Inferno, Sanremo 2012

Ecco un esempio di analisi del testo di una canzone:

ANALISI/ Il testo di “Non è l’Inferno” la canzone di Emma Marrone a Sanremo 2012, di Franco Molon, Il Sussidiario, 17 febbraio 2012

Spoiler. Emma viene lodata, alla fine dell’articolo, perché ha talento e riesce a rendere credibile una canzone sconclusionata. Questo è qualcosa che accade nella comunicazione ogni giorno: chi dice fesserie con abilità e convinzione le fa passare per verità – e non possiamo nemmeno consolarci pensando che ha talento e che potrà trovare il modo di usarlo meglio, come invece si può sperare per Emma!

Commenti disabilitati

Possibilità e probabilità

Ci sono più cose in cielo e  in terra, Orazio,
di quante ne contempli la tua filosofia.

Shakespeare, Amleto, atto I , scena V

“Possibile” e “probabile” sono due tra gli aggettivi più confusi della nostra lingua. Confusi nel senso che la gente li confonde l’uno con l’altro; di per sé sono chiarissimi. Lo stesso accade alle due categorie che ne derivano: possibilità e probabilità.

Potrei fare un giro in centro e chiedere alle persone se sono d’accordo con la frase “tutto è possibile” e penso che molte mi risponderebbero di sì. Ma penso che molte risponderebbero di no alla domanda successiva che farei, cioè se ritengono possibile che Dio diventi un uomo.

La risposta a questa domanda è l’apice della confusione tra possibile e probabile. La risposta corretta, secondo la natura delle parole e dell’esperienza umana, sarebbe «Sì, è possibile, ma non mi sembra probabile». Non decido io se una cosa è possibile o no ma stimo quanto è probabile. Leggi il seguito di questo post »

Commenti disabilitati

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: