Archive for Varie

I risparmi (o qualunque altra cosa) degli italiani

Qualcuno di recente mi ha fatto notare che i politici italiani si riferiscono sempre a “gli italiani” come se loro non lo fossero. In effetto ormai abbiamo le orecchie piene dei “risparmi degli italiani”, per esempio, o degli “italiani che hanno scelto il cambiamento”.

Ora qui non m’interessa la sostanza ma la forma. Com’è che tanta brava gente parla del proprio popolo in terza persona? Perché non lo fanno solo i politici, è la prima replica che ho fatto a quell’osservazione; per la verità, moltissimi italiani parlano così, me inclusa. Ma il motivo qual è?

La prima risposta che m’è venuta in mente era cattiva, lo riconosco. Era che la nostra cultura generale è stata ammorbata dagli intellettuali di sinistra, negli ultimi cinquant’anni e costoro sono curiosamente sprezzanti verso la gente comune, perlomeno dai giorni in cui il ministro De Sanctis diceva che bisognava trasformare la plebe in popolo. In tempi più recenti – roba di settimane – un paio di commentatori hanno pure provato a ritirare fuori l’aforisma, per farne fregio alla sinistra, ma pare che la fantasia sia morta praticamente sul nascere. Gli UFO sono più credibili, ormai.

Cattiveria o no, però, questo è effettivamente un motivo possibile. Personalmente non credo che sia il primo e principe. Nemmeno il secondo. È solo il primo che mi è venuto in mente, per la concomitanza con la menzogna stellare di cui sopra.

Dopodiché ho cominciato a rimuginarci su, a tempo perso, e in una seconda occasione mi sono accorta che c’è un altro motivo per non usare il noi: il fatto che non ci si considera parte del “noi” di cui si parla.

Niente di metafisico o psicologico, parlo di un fenomeno naturale.

Se io – io nel senso di me, non è un io retorico – se io Umberta dico che “gli italiani non conoscono l’economia”, sto semplicemente  affermando un fatto che vedo e di cui non faccio parte. Io conosco l’economia, almeno nei suoi elementi di base filosofici e matematici. Non potrei dire nemmeno per sbaglio che “noi italiani non conosciamo l’economia”, sarebbe una falsità. (Oppure una dimostrazione di senso civico fuori dall’ordinario, ma io non sono a un tale livello.)

Allo stesso modo, se parlo dei “risparmi degli italiani”, affermo qualcosa che vedo da fuori. Io non possiedo risparmi.

Semplice, no? Semplice. Sfortunatamente, non esistono soltanto casi di questo tipo.

Quando si parla del “voto degli italiani”, per esempio, non ci si dovrebbe sentire fuori dal “noi”: votiamo tutti, a meno che decidiamo di non farlo. Questo rientra in un senso civico ordinario. Ovviamente chi non vota mai, per scelta o pigrizia, potrà usare il “noi” e ricadere nella categoria precedente, ma io ho sempre votato, anche quando mi pareva che fosse perfettamente inutile e forse addirittura controproducente. E non credo proprio che i vari politici che parlano del “voto degli italiani” siano astensionisti accaniti. Molti di loro, sinistri, destri o centrali che siano, non ricadono nemmeno nella prima fattispecie.

Allora perché diamine parliamo così? Io amo il mio paese e anche il mio popolo, non sono un’intellettuale di sinistra (nemmeno un’intellettuale purchessia) e ho sempre votato in trent’anni da che sono diventata maggiorenne. E allora perché parlo così?

Bisogna pensarci, non basta rimuginare.

A che mi serve aver fatto il liceo classico se poi non so pensare a queste cose? A che mi serve saper leggere cinque o sei lingue se poi non sono in grado di cercare una risposta a una domanda del genere?

Accipuffolina, qui ne va della mia identità!

Annunci

Comments (7)

Un paese di colonizzati (volontari)?

Ti viene il sospetto di vivere in una colonia americana (volontaria) quando, nella finestra delle informazioni del televisore, quella che dà le informazioni sul programma in onda, trovi Corn Laws tradotto con “Leggi sul MAIS”.

Poi ti guardi l’episodio in questione (Victoria II ep. 8) e fai pace con il tuo popolo perché nei dialoghi c’è la traduzione esatta: “Leggi sul GRANO”. Va be’ che nessuno è obbligato a conoscere la storia della Gran Bretagna e del Libero Commercio, ma come si fa a pensare che un popolo europeo faccia leggi sul granturco da dover poi discutere in Parlamento? Nell’Ottocento? Proprio figli del supermercato, eh.

Dopodiché ti ricordi la più esilarante delle schermate info mai vista finora e capisci che è tutta colpa del Google Traduttore.

No, scherzavo: è colpa di chi lo usa male.

 

 

 

Commenti disabilitati

Opposizione Ragionata

Dopo un anno passato ad ascoltare pessima politica e argomentazioni allucinanti, prima e dopo le elezioni, ho pensato di ricominciare a scrivere con un post sul mio futuro in politica.

Aprirò una scuola per insegnare a queste povere anime di politici ad argomentare come si deve. A volte ti fanno venir voglia di aprirti il cranio su uno spigolo. Oppure di aprirlo a loro.

Mmm… ci vorrebbe una scuola senza spigoli, magari una yurta, ma sarebbe un po’ troppo eccentrico, i politici sono tutti più o meno conformisti. E poi non ho molta pazienza e non mi piace parlare e discutere, anche solo per scuola. Lasciamo perdere.

Prima idea cassata, ma la seconda è BRILLANTE.

Lo faccio io, un partito politico.

Così saprò per chi votare l’anno prossimo.

Qui a PG la prossima primavera votiamo per le comunali; in più ci sono le europee. E io non so chi votare. La politica italiana somiglia più a un campo d’asteroidi che a un terreno di confronto. La cosa peggiore è che nessuno è disposto, non dico ad ammettere le proprie mancanze, che non è mai semplice e richiede un bel po’ di lavoro, ma a riconoscere il buono che c’è, che è stato compiuto o almeno avviato foss’anche dall’avversario politico. Come si fa a votare per gente che usa argomenti sbagliati per le cose giuste, oltre che argomenti sbagliati per le cose sbagliate? I partiti e similpartiti, poi… molto peggio dei singoli e ancora non ho capito come ci riescono. Per le prossime amministrative mi aspetto una fioritura di liste civiche; perché non è vero che la gente non voglia votare, è che la maggior parte della gente ha l’impressione che con questa “offerta” votare non serva proprio a niente. Che “l’importante è votare” è un dogma vuoto, ora come ora. E, se vengono rifiutati i dogmi pieni, che ne sarà di quelli vuoti?

Ma io farò un partito nazionale, non una lista civica. Si chiamerà “Opposizione Ragionata” perché sarà un partito di sola opposizione, mai al governo: chiunque entri a farne parte o lo voti, saprà che questa è la condizione primaria. Non si governa ma si aiuta chi è al governo a non fare troppe scemenze. Vista la massa di baggianate che i politici e i burocrati italiani sono capaci di produrre quando sono lasciati a sé stessi, ci vuole costantemente qualcuno che li tenga in carreggiata.

Una volta Don Giussani disse che in politica ci vogliono interesse per il bene comune e adeguata competenza, che si appartenga o meno alla Chiesa non è garanzia di niente, e io da allora ho sempre avuto in mente questo, considerando le faccende politiche.

D. Ma lei si sente più garantito da un «cristiano» al governo?

R. No. Il problema è la sincera dedizione al bene comune e una competenza reale e adeguata. Ci può essere un cristiano ingolfato nei problemi ecclesiastici la cui onestà naturale e la cui competenza possono lasciare dubbi. Preferisco che non sia così. …. (“Preghiamo per l’Italia in pericolo. intervista a don Luigi Giussani di Pierluigi Battista”, La Stampa, 4 gennaio 1996, ripubblicato da Tempi Web nel 2011)

Solo che non ho la pazienza necessaria per l’organizzazione di un partito, soprattutto uno che debba essere formato da persone disposte a combattere quotidianamente senza mai avere il potere ufficiale di cambiare le cose. Va bene che la democrazia si basa sulla parola e sul confronto ma noi viviamo in un paio di secoli ossessionati dal potere, non penso che ci siano molte persone disposte a recarsi in un posto di lavoro per combattere con la parola senza la prospettiva di arrivare un giorno a decidere delle cose pubbliche. Dovrei perlomeno fondare un ordine monastico cavalleresco come i Templari, ma poi faremmo una brutta fine per questioni di soldi.

Però ci sono anche altre cose che si possono fare per il proprio Paese. Per esempio, nel mio caso, pubblicare qualcosa di utile e intelligente. Come l’Economia di Base. Come i Cattivi Argomenti (c’è anche troppo materiale). E come Chesterton.

È una benedizione che Chesterton sia ormai nel pubblico dominio, perché è un anno che cerco una casa editrice per pubblicare una traduzione di Belloc – il quale non è nel pubblico dominio, ha degli eredi e quindi mi ci vuole un editore che si occupi dei diritti d’autore – e non l’ho ancora trovata.

Commenti disabilitati

Cambiamento, cambiamenti

Ricordo l’espressione di un russo, che si è diffusa tra i nostri amici: “Se la Russia è quello che è, è perché io sono quello che sono”. Allora io mi domando, “Se l’Italia è quello che è, se il mondo è quello che è, è perché io sono quello che sono?”. Cioè, il primo contributo al cambiamento della società, non è la politica, non è la burocrazia, non è il lavoro che si ha o non si ha, ma è la mia persona. Il mondo cambia se cambio io, questo mi ha insegnato la Russia. …. Quando non c’era nessuna speranza di cambiare le cose in Russia, alcuni hanno detto: dobbiamo cambiare noi. In nome di questo cambiamento si sono create delle piccole società clandestine che hanno vissuto insieme questa responsabilità. Questa nuova cultura ha cambiato il volto della Russia. Qualche mese fa hanno chiesto a Gorbačëv: qual è stato il colpo che ha fatto cadere il comunismo? Lui ha risposto: una nuova cultura.

—Romano Scalfi, La mia Russia. Samizdat: una risposta al grido dell’uomo di oggi, La Casa di Matriona, 2017, pag. 17.

Commenti disabilitati

Grazia Deledda, Il dono di Natale

Grazia Deledda

IL DONO DI NATALE

 

I cinque fratelli Lobina, tutti pastori, tornavano dai loro ovili, per passare la notte di Natale in famiglia.

Era una festa eccezionale, per loro, quell’anno, perché si fidanzava la loro unica sorella, con un giovane molto ricco.

Come si usa dunque in Sardegna, il fidanzato doveva mandare un regalo alla sua promessa sposa, e poi andare anche lui a passare la festa con la famiglia di lei.

E i cinque fratelli volevano far corona alla sorella, anche per dimostrare al futuro cognato che se non erano ricchi come lui, in cambio erano forti, sani, uniti fra di loro come un gruppo di guerrieri.

Avevano mandato avanti il fratello più piccolo, Felle, un bel ragazzo di undici anni, dai grandi occhi dolci, vestito di pelli lanose come un piccolo San Giovanni Battista; portava sulle spalle una bisaccia, e dentro la bisaccia un maialetto appena ucciso che doveva servire per la cena.

Il piccolo paese era coperto di neve; le casette nere, addossate al monte, parevano disegnate su di un cartone bianco, e la chiesa, sopra un terrapieno sostenuto da macigni, circondata d’alberi carichi di neve e di ghiacciuoli, appariva come uno di quegli edifizi fantastici che disegnano le nuvole.

Tutto era silenzio: gli abitanti sembravano sepolti sotto la neve.

Nella strada che conduceva a casa sua, Felle trovò solo, sulla neve, le impronte di un piede di donna, e si divertì a camminarci sopra. Le impronte cessavano appunto davanti al rozzo cancello di legno del cortile che la sua famiglia possedeva in comune con un’altra famiglia pure di pastori ancora più poveri di loro. Le due casupole, una per parte del cortile, si rassomigliavano come due sorelle; dai comignoli usciva il fumo, dalle porticine trasparivano fili di luce.

Felle fischiò, per annunziare il suo arrivo: e subito, alla porta del vicino si affacciò una ragazzina col viso rosso dal freddo e gli occhi scintillanti di gioia.

– Ben tornato, Felle.

– Oh, Lia! – egli gridò per ricambiarle il saluto, e si avvicinò alla porticina dalla quale, adesso, con la luce usciva anche il fumo di un grande fuoco acceso nel focolare in mezzo alla cucina.

Intorno al focolare stavano sedute le sorelline di Lia, per tenerle buone la maggiore di esse, cioè quella che veniva dopo l’amica di Felle, distribuiva loro qualche chicco di uva passa e cantava una canzoncina d’occasione, cioè una ninnananna per Gesù Bambino.

– Che ci hai, qui? – domandò Lia, toccando la bisaccia di Felle. – Ah, il porchetto. Anche la serva del fidanzato di tua sorella ha già portato il regalo. Farete grande festa voi, – aggiunse con una certa invidia; ma poi si riprese e annunziò con gioia maliziosa: – e anche noi!

Invano Felle le domandò che festa era: Lia gli chiuse la porta in faccia, ed egli attraversò il cortile per entrare in casa sua.

In casa sua si sentiva davvero odore di festa: odore di torta di miele cotta al forno, e di dolci confezionati con buccie di arancie e mandorle tostate. Tanto che Felle cominciò a digrignare i denti, sembrandogli di sgretolare già tutte quelle cose buone ma ancora nascoste.

La sorella, alta e sottile, era già vestita a festa; col corsetto di broccato verde e la gonna nera e rossa: intorno al viso pallido aveva un fazzoletto di seta a fiori; ed anche le sue scarpette erano ricamate e col fiocco: pareva insomma una giovane fata, mentre la mamma, tutta vestita di nero per la sua recente vedovanza, pallida anche lei ma scura in viso e con un’aria di superbia, avrebbe potuto ricordare la figura di una strega, senza la grande dolcezza degli occhi che rassomigliavano a quelli di Felle.

Egli intanto traeva dalla bisaccia il porchetto, tutto rosso perché gli avevano tinto la cotenna col suo stesso sangue: e dopo averlo consegnato alla madre volle vedere quello mandato in dono dal fidanzato. Sì, era più grosso quello del fidanzato: quasi un maiale; ma questo portato da lui, più tenero e senza grasso, doveva essere più saporito.

– Ma che festa possono fare i nostri vicini, se essi non hanno che un po’ di uva passa, mentre noi abbiamo questi due animaloni in casa? E la torta, e i dolci? – pensò Felle con disprezzo, ancora indispettito perché Lia, dopo averlo quasi chiamato, gli aveva chiuso la porta in faccia.

 

Poi arrivarono gli altri fratelli, portando nella cucina, prima tutta in ordine e pulita, le impronte dei loro scarponi pieni di neve, e il loro odore di selvatico. Erano tutti forti, belli, con gli occhi neri, la barba nera, il corpetto stretto come una corazza e, sopra, la mastrucca [1].

Quando entrò il fidanzato si alzarono tutti in piedi, accanto alla sorella, come per far davvero una specie di corpo di guardia intorno all’esile e delicata figura di lei; e non tanto per riguardo al giovine, che era quasi ancora un ragazzo, buono e timido, quanto per l’uomo che lo accompagnava. Quest’uomo era il nonno del fidanzato. Vecchio di oltre ottanta anni, ma ancora dritto e robusto, vestito di panno e di velluto come un gentiluomo medioevale, con le uose di lana sulle gambe forti, questo nonno, che in gioventù aveva combattuto per l’indipendenza d’Italia, fece ai cinque fratelli il saluto militare e parve poi passarli in rivista.

E rimasero tutti scambievolmente contenti.

Al vecchio fu assegnato il posto migliore, accanto al fuoco; e allora sul suo petto, fra i bottoni scintillanti del suo giubbone, si vide anche risplendere come un piccolo astro la sua antica medaglia al valore militare. La fidanzata gli versò da bere, poi versò da bere al fidanzato e questi, nel prendere il bicchiere, le mise in mano, di nascosto, una moneta d’oro.

Ella lo ringraziò con gli occhi, poi, di nascosto pure lei, andò a far vedere la moneta alla madre ed a tutti i fratelli, in ordine di età, mentre portava loro il bicchiere colmo.

L’ultimo fu Felle: e Felle tentò di prenderle la moneta, per scherzo e curiosità, s’intende: ma ella chiuse il pugno minacciosa: avrebbe meglio ceduto un occhio.

Il vecchio sollevò il bicchiere, augurando salute e gioia a tutti; e tutti risposero in coro.

Poi si misero a discutere in un modo originale: vale a dire cantando. Il vecchio era un bravo poeta estemporaneo, improvvisava cioè canzoni; ed anche il fratello maggiore della fidanzata sapeva fare altrettanto.

Fra loro due quindi intonarono una gara di ottave, su allegri argomenti d’occasione; e gli altri ascoltavano, facevano coro e applaudivano.

 

Fuori le campane suonarono, annunziando la messa.

Era tempo di cominciare a preparare la cena. La madre, aiutata da Felle, staccò le cosce ai due porchetti e le infilò in tre lunghi spiedi dei quali teneva il manico fermo a terra.

– La quarta la porterai in regalo ai nostri vicini – disse a Felle: – anch’essi hanno diritto di godersi la festa.

Tutto contento, Felle prese per la zampa la coscia bella e grassa e uscì nel cortile.

La notte era gelida ma calma, e d’un tratto pareva che il paese tutto si fosse destato, in quel chiarore fantastico di neve, perché, oltre al suono delle campane, si sentivano canti e grida.

Nella casetta del vicino, invece, adesso, tutti tacevano: anche le bambine ancora accovacciate intorno al focolare pareva si fossero addormentate aspettando però ancora, in sogno, un dono meraviglioso.

All’entrata di Felle si scossero, guardarono la coscia del porchetto che egli scuoteva di qua e di là come un incensiere, ma non parlarono: no, non era quello il regalo che aspettavano. Intanto Lia era scesa di corsa dalla cameretta di sopra: prese senza fare complimenti il dono, e alle domande di Felle rispose con impazienza:

– La mamma si sente male: ed il babbo è andato a comprare una bella cosa. Vattene.

Egli rientrò pensieroso a casa sua. Là non c’erano misteri né dolori: tutto era vita, movimento e gioia. Mai un Natale era stato così bello, neppure quando viveva ancora il padre: Felle però si sentiva in fondo un po’ triste, pensando alla festa strana della casa dei vicini.

 

Al terzo tocco della messa, il nonno del fidanzato batté il suo bastone sulla pietra del focolare.

– Oh, ragazzi, su, in fila.

E tutti si alzarono per andare alla messa. In casa rimase solo la madre, per badare agli spiedi che girava lentamente accanto al fuoco per far bene arrostire la carne del porchetto.

I figli, dunque, i fidanzati e il nonno, che pareva guidasse la compagnia, andavano in chiesa. La neve attutiva i loro passi: figure imbacuccate sbucavano da tutte le parti, con lanterne in mano, destando intorno ombre e chiarori fantastici. Si scambiavano saluti, si batteva alle porte chiuse, per chiamare tutti alla messa.

Felle camminava come in sogno; e non aveva freddo; anzi gli alberi bianchi, intorno alla chiesa, gli sembravano mandorli fioriti. Si sentiva insomma, sotto le sue vesti lanose, caldo e felice come un agnellino al sole di maggio: i suoi capelli, freschi di quell’aria di neve, gli sembravano fatti di erba. Pensava alle cose buone che avrebbe mangiato al ritorno dalla messa, nella sua casa riscaldata, e ricordando che Gesù invece doveva nascere in una fredda stalla, nudo e digiuno, gli veniva voglia di piangere, di coprirlo con le sue vesti, di portarselo a casa sua.

Dentro la chiesa continuava l’illusione della primavera: l’altare era tutto adorno di rami di corbezzolo coi frutti rossi, di mirto e di alloro: i ceri brillavano tra le fronde e l’ombra di queste si disegnavano sulle pareti come sui muri di un giardino.

In una cappella sorgeva il presepio, con una montagna fatta di sughero e rivestita di musco: i Re Magi scendevano cauti da un sentiero erto, e una cometa d’oro illuminava loro la via.

Tutto era bello, tutto era luce e gioia. I Re potenti scendevano dai loro troni per portare in dono il loro amore e le loro ricchezze al figlio dei poveri, a Gesù nato in una stalla; gli astri li guidavano; il sangue di Cristo, morto poi per la felicità degli uomini, pioveva sui cespugli e faceva sbocciare le rose; pioveva sugli alberi per far maturare i frutti.

Così la madre aveva insegnato a Felle e così era.

– Gloria, gloria – cantavano i preti sull’altare: e il popolo rispondeva:

– Gloria a Dio nel più alto dei cieli.

E pace in terra agli uomini di buona volontà.

Felle cantava anche lui, e sentiva che questa gioia che gli riempiva il cuore era il più bel dono che Gesù gli mandava.

 

All’uscita di chiesa sentì un po’ freddo, perché era stato sempre inginocchiato sul pavimento nudo: ma la sua gioia non diminuiva; anzi aumentava. Nel sentire l’odore d’arrosto che usciva dalle case, apriva le narici come un cagnolino affamato; e si mise a correre per arrivare in tempo per aiutare la mamma ad apparecchiare per la cena. Ma già tutto era pronto. La madre aveva steso una tovaglia di lino, per terra, su una stuoia di giunco, e altre stuoie attorno. E, secondo l’uso antico, aveva messo fuori, sotto la tettoia del cortile, un piatto di carne e un vaso di vino cotto dove galleggiavano fette di buccia d’arancio, perché l’anima del marito, se mai tornava in questo mondo, avesse da sfamarsi.

Felle andò a vedere: collocò il piatto ed il vaso più in alto, sopra un’asse della tettoia, perché i cani randagi non li toccassero; poi guardò ancora verso la casa dei vicini. Si vedeva sempre luce alla finestra, ma tutto era silenzio; il padre non doveva essere ancora tornato col suo regalo misterioso.

 

Felle rientrò in casa, e prese parte attiva alla cena.

In mezzo alla mensa sorgeva una piccola torre di focacce tonde e lucide che parevano d’avorio: ciascuno dei commensali ogni tanto si sporgeva in avanti e ne tirava una a sé: anche l’arrosto, tagliato a grosse fette, stava in certi larghi vassoi di legno e di creta: e ognuno si serviva da sé, a sua volontà.

Felle, seduto accanto alla madre, aveva tirato davanti a sé tutto un vassoio per conto suo, e mangiava senza badare più a nulla: attraverso lo scricchiolìo della cotenna abbrustolita del porchetto, i discorsi dei grandi gli parevano lontani, e non lo interessavano più.

Quando poi venne in tavola la torta gialla e calda come il sole, e intorno apparvero i dolci in forma di cuori, di uccelli, di frutta e di fiori, egli si sentì svenire: chiuse gli occhi e si piegò sulla spalla della madre. Ella credette che egli piangesse: invece rideva per il piacere.

 

Ma quando fu sazio e sentì bisogno di muoversi, ripensò ai suoi vicini di casa: che mai accadeva da loro? E il padre era tornato col dono?

Una curiosità invincibile lo spinse ad uscire ancora nel cortile, ad avvicinarsi e spiare. Del resto la porticina era socchiusa: dentro la cucina le bambine stavano ancora intorno al focolare ed il padre, arrivato tardi ma sempre in tempo, arrostiva allo spiedo la coscia del porchetto donato dai vicini di casa.

Ma il regalo comprato da lui, dal padre, dov’era?

– Vieni avanti, e va su a vedere – gli disse l’uomo, indovinando il pensiero di lui.

Felle entrò, salì la scaletta di legno, e nella cameretta su, vide la madre di Lia assopita nel letto di legno, e Lia inginocchiata davanti ad un canestro.

E dentro il canestro, fra pannolini caldi, stava un bambino appena nato, un bel bambino rosso, con due riccioli sulle tempie e gli occhi già aperti.

– È il nostro primo fratellino – mormorò Lia. – Mio padre l’ha comprato a mezzanotte precisa, mentre le campane suonavano il “Gloria”. Le sue ossa, quindi, non si disgiungeranno mai, ed egli le ritroverà intatte, il giorno del Giudizio Universale. Ecco il dono che Gesù ci ha fatto questa notte.

________________

[1] È una sopraveste di pelle d’agnello, nera, con la lana, che tiene molto caldo.

 

Commenti disabilitati

I fatti nascondono

– I fatti – mormorò Basil come se parlasse di strani e lontani animali – i fatti come fatti oscurano la verità. Io posso essere uno sciocco – e in realtà sono un po’ fuori di testa – ma non ho mai creduto a… come si chiama il protagonista di quelle clamorose vicende? – Sherlock Holmes. Ogni dettaglio ci conduce a qualcosa, certo; ma in generale ci conduce alla cosa sbagliata. I fatti ci conducono in tutte le direzioni, mi sembra, come le migliaia di ramoscelli di un albero. È solo la vita dell’albero che possiede un’unità e che sale; è soltanto il sangue verde che sgorga, come una fontana, verso le stelle (“Il Club dei Mestieri Stravaganti”, p. 23 ed. Leardini)

 

Settembre 2017. Luigi Di Maio è l’unico candidato a guidare il governo (e a diventare capo politico) per il Movimento 5 Stelle che si accinge a fare le primarie online. Questo è un fatto. Ma che cosa significa il fatto? Di Maio è il solo che ci ha messo la faccia, incontestabilmente;  ma perché solo lui?

Perché è stanco di vivere tranquillo. 

Perché è il solo con la schiena abbastanza dritta.

Perché è avido di potere e gli altri no.  

Perché è tutta una finta per gabbare la gente: in realtà c’erano altri candidati ma sono stati nascosti.

Perché la gente si riempie la bocca di slogan e frasi fatte, come “democrazia diretta”, ma non ha la minima intenzione di farsi il culo, quello lascia che se lo facciano gli altri, salvo poi metterli in croce quando inevitabilmente sbagliano.

Perché…

Ecco, i fatti non possono dirci il perché delle cose, neanche il perché di sé stessi. Per questo Chesterton dice che i fatti nascondono la verità. Sono ostinati come dice Bulgakov, e anche questo è incontestabile; ma non sono né autoesplicativi né eteroesplicativi (cioè non spiegano né sé stessi né altre cose o fatti).

Degli zucconi omertosi, ecco che cosa sono.

Commenti disabilitati

Parole da evitare: femminicidio

Questa non è solo una parola che evito. Questa è una parola che chiunque dovrebbe evitare attivamente.

Fino all’altroieri avrei detto che era da evitare perché, per come è usata, non significa niente; io non ho nemmeno bisogno di evitarla perché non mi verrebbe mai in mente di usarla.

Oggi dico che va evitata perché distrugge la capacità di osservare la realtà; e lo dico perché ne ho avuto la dimostrazione lampante nelle parole di una donna che è presidente di non so che associazione che aiuta le donne vittime di violenze, la quale al telegiornale di domenica (o era sabato? dovrò cominciare a girare con un taccuino per gli appunti…) ha detto che “gli uomini uccidono le donne perché sono donne”.[1]

Be’, no, gentile signora, questo non è vero. Le è sfuggito un particolare fondamentale e posso solo pensare che ciò sia avvenuto a causa dell’uso cretino di una parola che, per il suono e gli elementi costituenti, indica una certa cosa mentre voi pretendete di usarla per indicarne un’altra. È una specie di magia.

 

Gli uomini in genere non uccidono le donne perché sono donne. Gli uomini in genere uccidono le donne perché non sono le LORO donne. Sempre ne sono attratti perché sono donne; ma in genere le uccidono perché sono donne che non li vogliono. Basta ascoltare un po’ di cronaca per rendersi conto che è così (= capacità di osservare la realtà).

Le uccidono perché li hanno lasciati, e dunque non sono più le loro donne. Le uccidono perché hanno un certo grado di libertà che essi non tollerano, in quanto le rende meno loro. Le uccidono per motivi psicologici poco chiari, che però c’entrano sempre col fatto dell’abbandono. In qualche raro caso le uccidono perché sono delle insopportabili megere. Non è vero infatti che tutte le vittime di qualunque tipo siano brave persone meritevoli di tenerezza, come una certa narrazione superficiale tende a farci credere (basta pensare che se qualcuno uccide un coetaneo, la vittima è un ragazzo o ragazza, mentre l’omicida è sempre caratterizzato come adulto… e siamo infine arrivati all’idiozia di definire “giovanissime” le vittime ultratrentenni).

 

Ma consideriamo solo le donne uccise per senza essere delle megere. Resta il fatto che non sono state uccise in quanto semplicemente donne, ma perché per l’assassino non erano “la mia donna”.

Ricordo un solo caso, in tanti anni che sento usare questo termine, in cui un uomo ha effettivamente accoltellato delle donne solo perché erano donne, ed è un caso recentissimo: è avvenuto qualche settimana fa, per strada, uno sconosciuto contro delle sconosciute. L’ha detto il telegiornale, ma solo una volta e ovviamente non l’ha definito “femminicidio”, mentre era uno di quei rari casi in cui la parola avrebbe avuto un senso.

Ce n’è un altro, di casi simili, ed è l’aborto selettivo delle femmine ma da noi non usa – qui selettivamente si abortisce per altri motivi, non per il sesso – e nessuno ne parla.

Normalmente, in genere, di solito, i “femminicidi”, nel senso degli uccisori,[2] non se la prendono con altre donne se non quella che hanno perduto. Solo una volta ricordo che uno ha ucciso anche un’amica della ex moglie. Un’altra volta, una ragazza è rimasta uccisa per difendere la sorella, ma non possiamo dire che l’assassino fosse andato a cercare lei. È vero che io non ricordo i nomi di persone e città che vengono detti né le testuali parole, ma le vicende invece sono in grado di ricordarle ad anni di distanza. (Purtroppo, senza nomi, non è facile e a volte neanche possibile rintracciare le vicende. Dal che possiamo dedurre l’importanza di avere a disposizione i nomi giusti. Devo proprio farmi un taccuino.)

È raro che un “femminicida” uccida diverse dalla “non-mia” e in genere ci sono motivi collaterali se lo fa.

 

Ora, ho detto che è una specie di magia. Ma dov’è la magia? Nella nostra testa. Le parole danno forma al pensiero: chiunque l’abbia detto per primo, era uno che sapeva quel che diceva.

Se sentiamo una parola come “femminicidio”, pensiamo che sia l’uccisione di una donna. Ci hanno insegnato che le donne non bisogna chiamarle “femmine”, però all’asilo e ancora a scuola ci dividevamo in “maschi e femmine”, quindi abbiamo chiaro che in fin dei conti le donne sono femmine, anche se non tutte le femmine sono donne, ovviamente. Così, quando sentiamo una parola del genere, il nostro cervello ha subito chiaro che significa l’uccisione di una donna. Non è come “omofobia” che di suo significa l’esatto opposto di ciò che vuole significare; il “femminicidio” può essere solo l’uccisione di una femmina umana perché non si usa -cidio per gli animali.

Chi la usa, però, non la intende così. Chi usa questa parola intende con essa un particolare tipo di uccisione di donna. Per questo nessuno parla di “femminicidio” se un pazzo attacca delle donne perché sono donne o se in qualche Paese straniero le bambine vengono abortite selettivamente.

E qui si aprono due possibili scenari, come dicono da qualche parte.

Uno scenario è che riusciamo a mantenere separato il significato apparente del termine da quello velleitario – non posso dire “convenzionale” perché tutto il linguaggio è convenzionale; passi per i nomi neutri ma l’impegno per dare a un termine il significato che evidentemente non ha, solo velleitario lo posso definire.[3]

L’altro scenario è che avvenga nel cervello di chi ascolta un cortocircuito, per cui si comincia a pensare che il “femminicidio” è l’uccisione di una donna perché è una donna. Giusto ciò che è accaduto a quella signora di cui dicevo prima. Se è accaduto a lei, che ne vede ogni giorno, figuriamoci agli altri.

 

Se si comincia a pensarla così, allora le donne cominciano anche a pensare che tutti gli uomini siano dei potenziali assassini, il che non è vero. Da un punto di vista assoluto, naturalmente, tutti gli esseri umani, maschi e femmine, sono dei potenziali omicidi, perché non sai mai che cosa ti può succedere finché sei vivo e magari capiterà che ti trovi ad ammazzare qualcuno. Da un punto di vista relativo, la maggior parte delle persone, maschi o femmine, non ucciderà mai nessuno, così come la maggior parte delle persone non ha mai ucciso nessuno in tutta la storia del mondo. In più, bisogna considerare che un assassino non è semplicemente un omicida: un assassino è uno che è andato lì con la precisa volontà di uccidere, mentre l’omicidio è genericamente l’uccisione di un essere umano, che può anche essere involontaria.[4] Non ci sono elementi reali per pensare che tutti gli uomini, nel senso di esseri umani di sesso maschile, siano potenziali assassini.

Se le donne cominciano a pensare così, però, siccome sono le donne che fanno gli uomini (in tutti i sensi), gli uomini da parte loro cominceranno a sentirsi un peso sulle spalle, che diventerà via via più vero e più pesante.

Risultato: una sempre maggiore divisione tra uomini e donne; ma forse è meglio dire “tra maschi e femmine”, perché a lungo andare non ci sarebbero più uomini e donne degni del titolo; rimarrebbe solo il dato biologico, che è impossibile da eliminare.

Fino all’altroieri intuivo che potesse finire così ma avevo una certa fiducia nella sanità mentale del popolo umano.

Dopo aver sentito quella signora, ho capito che forse la mia fiducia non è tanto ben motivata. Le parole agiscono anche senza che ce ne rendiamo conto, altrimenti non si spiega che una in quella posizione lì debba essersi fatta un’idea tanto sbagliata.

 

Oddio, una spiegazione c’è, ed è la medesima che giustificherebbe l’invenzione della parola stessa: potrebbe essere una cosa voluta. Quella signora non mi pareva un genio del male. Rispetto a chi ha inventato il termine, però, non mi posso pronunciare, perché non so chi sia e potrebbe essere tanto un ignorante da Oscar quanto un professor Moriarty della manipolazione verbale.

Non conoscendo la causa, non starò a perderci tempo. L’effetto però è sotto gli occhi di tutti; nelle orecchie, per la verità, ma chi sono io per buttare nel cestino una metafora dei nostri padri?, come direbbe Dickens.

Quel che sicuramente posso fare è evitare di usare questo termine. E dire il perché.

_________________

[1] Le virgolette “ ” non indicano una citazione testuale ma sostanziale; per una citazione testuale userei le virgolette a caporale « », ma io sono normalmente incapace di ricordare le parole testuali.

[2] Femminicidio al plurale diventa femminicidii o femminicidî; ultimamente la pigrizia ci ha fatto cassare queste forme in favore di femminicidi; questo però è anche il plurale di femminicida. Ne possiamo dedurre che l’ortografia qualche volta ha una funzione specifica, oltre ad essere un fatto estetico.

[3] Velleità al massimo grado è proprio la parola “omofobia” che citavo prima. In origine homophobia indicava l’irrazionale paura di essere considerati finocchi (che in inglese si dice homo, come abbreviazione di homosexual) mostrata da certi uomini; la inventò uno psicanalista americano che aveva notato questa stramba paura. Non so se lo psicanalista fosse solo ignorante, non essendo un grecolatino, o volesse indicare che non era una cosa da prendere troppo sul serio: infatti, è come se in italiano dicessimo “gattofobia” anziché ailurofobia per indicare che uno ha paura dei gatti; lo dici a livello colloquiale, non certo come termine scientifico! Sta di fatto che, secondo le regole corrette dell’etimologia grecolatina, la sua parola significa “paura irrazionale di ciò che è uguale”, non “paura irrazionale di chi è diverso”, come poi qualcuno ha preteso di usarla. Quando la convenzionalità (che nel linguaggio è inevitabile) viene spinta all’estremo diventa velleità. E crea una gran confusione.

[4] Per questo la legge parla di omicidio volontario, preterintenzionale, colposo; sono tutte sfumature che dipendono dalla volontà o meno di uccidere.

Comments (2)

Older Posts »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: