Archive for Divina Commedia

Scaricare barili

Ieri mattina, mentre leggevo la prima lettura della Messa per l’Immacolata, mi è un po’ scappato da sorridere. Spero che nessuno se ne sia accorto e spero di non essere irriguardosa a raccontarlo (mi dovrò informare), ma insomma ho notato ciò che in italiano comunemente si chiama “scaricabarile”:

11Riprese: «Chi ti ha fatto sapere che eri nudo? Hai forse mangiato dell’albero di cui ti avevo comandato di non mangiare?».

12Rispose l’uomo: “La donna che tu mi hai posta accanto mi ha dato dell’albero e io ne ho mangiato”.

13Il Signore Dio disse alla donna: “Che hai fatto?”. Rispose la donna: “Il serpente mi ha ingannata e io ho mangiato”.

Genesi, capitolo 3, versi 11-13 (una parte della lettura)

 

Tutte cose vere: è vero che Eva va da Adamo e gli allunga il frutto, così come è vero che il serpente va da Eva e la mena per il naso.

Altrettanto vero è che nessuno dei due era obbligato a cascarci.

Oh, di giustificazioni se ne possono trovare. Per dirne solo una, Eva è stata ingannata da un fior di tentatore; vorrei vedere chiunque di noi al posto suo.

Ma oggettivamente nessuno dei due era obbligato a cascarci. Solo che tutti e due hanno scelto la linea di minor resistenza; suppongo che il Nemico puntasse proprio su questo.

La linea di minor resistenza è: mi fido di qualcuno che ha meno titolo alla mia fiducia (il serpente, Eva) perché è meno faticoso che fidarmi di chi ha maggiore titolo (Dio).

Dopodiché, siccome la linea di minor resistenza è anche linea di frattura, ovviamente è successo un pasticcio. E allora giù a scaricare il barile. Pur dicendo, in fin dei conti, la verità, è stato comunque un atto di viltà da parte di entrambi.

Chissà che sarebbe successo se Adamo avesse solo detto: “Perdonami, ho fatto ciò che tu mi avevi detto di non fare e me ne sono pentito”?

Se l’avesse fatto, suppongo che non sarei qui a scriverne.

Curiosamente, questo “fidarsi secondo la linea di minor resistenza” è ciò per cui Guido da Montefeltro si ritrova all’inferno.

Quando mi vidi giunto in quella parte
di mia etade ove ciascun dovrebbe
calar le vele e raccoglier le sarte,

ciò che pria mi piacea, allor m’increbbe,
e pentuto e confesso mi rendei;
ahi miser lasso! e giovato sarebbe.

Lo principe d’i novi Farisei,
avendo guerra presso a Laterano,
e non con Saracin né con Giudei,

ché ciascun suo nimico era cristiano,
e nessun era stato a vincer Acri
né mercatante in terra di Soldano,

né sommo officio né ordini sacri
guardò in sé, né in me quel capestro
che solea fare i suoi cinti più macri.

Ma come Costantin chiese Silvestro
d’entro Siratti a guerir de la lebbre,
così mi chiese questi per maestro

a guerir de la sua superba febbre;
domandommi consiglio, e io tacetti
perché le sue parole parver ebbre.

(Come dicevo, Guido sapeva bene
che non era cosa da farsi… )

E’ poi ridisse: “Tuo cuor non sospetti;
finor t’assolvo, e tu m’insegna fare
sì come Penestrino in terra getti.

Lo ciel poss’io serrare e diserrare,
come tu sai; però son due le chiavi
che ‘l mio antecessor non ebbe care”.

Allor mi pinser li argomenti gravi
là ‘ve ‘l tacer mi fu avviso ‘l peggio,
e dissi: “Padre, da che tu mi lavi

(… ma era più facile seguire
la linea di minor resistenza)

di quel peccato ov’io mo cader deggio,
lunga promessa con l’attender corto
ti farà trïunfar ne l’alto seggio”.

Francesco venne poi, com’io fu’ morto,
per me; ma un d’i neri cherubini
li disse: “Non portar; non mi far torto.

Venir se ne dee giù tra ‘ miei meschini
perché diede ‘l consiglio frodolente,
dal quale in qua stato li sono a’ crini;

ch’assolver non si può chi non si pente,
né pentere e volere insieme puossi
per la contradizion che nol consente”.

Oh me dolente! come mi riscossi
quando mi prese dicendomi: “Forse
tu non pensavi ch’io löico fossi!”.

Divina Commedia, Inferno, canto XXVII, versi 81-123

Quando vidi che ero giunto a quell’età nella quale ognuno dovrebbe calar le vele e raccogliere le sartie[1] / ciò che prima mi piaceva[2] mi venne a dispiacere, e così, dopo essermi pentito e confessato, presi i voti;[3] ahi, povero me disgraziato! quanto sarebbe stato meglio che mi fossi fermato lì.

Il principe dei nuovi farisei,[4] avendo in corso una guerra vicino a casa,[5] e non con saraceni o giudei / perché ogni suo nemico era cristiano – nessuno di questi era tra i vincitori di Acri né stato in Terrasanta come mercante[6] – / non ebbe riguardo né per il suo sommo ufficio e gli ordini sacri di cui era investito né per il cordone che io portavo e che era solito rendere più magri coloro che cingeva.[7]

Ma, come l’imperatore Costantino aveva chiesto aiuto a papa Silvestro, nascosto sul Soratte, per guarire dalla lebbra, così egli mi volle come maestro / per guarire dalla febbre della superbia che l’aveva preso; mi chiese consiglio e io tacqui perché le sue parole mi sembrarono quelle di uno che non ragiona.

Egli proseguì dicendo: “Non avere sospetti in cuor tuo; ti assolvo fin da ora, tu insegnami come posso conquistare la roccaforte di Palestrina. / Io posso aprire e chiudere le porte del cielo, come sai; perché sono due le chiavi che il mio predecessore ha disprezzato”.

Allora le autorevoli argomentazioni infine mi convinsero che tacere fosse peggio che parlare[8] e dissi: “Padre, visto che tu mi lavi / da quel peccato che sto per commettere, [ti dico che] per trionfare e rinsaldare la tua posizione devi promettere molto e poi non mantenere ciò che hai promesso”.[9]

Dopo la mia morte, venne san Francesco a prendermi; ma un diavolo gli disse: “Non portarlo via, non farmi torto. / Deve venirsene giù tra i disgraziati di cui mi occupo io, perché diede quel consiglio fraudolento, e da allora gli son sempre stato vicino, pronto a pigliarlo pei capelli; / perché non si può assolvere chi non si pente, e nemmeno si può pentirsi di qualcosa e continuare a volerla: è una contraddizione e non sta in piedi”.

Povero me! come mi resi conto di ciò che avevo fatto quando mi afferrò dicendomi: “Forse tu non pensavi che io fossi capace di logica!”.

 

Formalmente, diciamo, Guido è all’inferno per aver consigliato un inganno: ma lo aveva fatto, pur sapendo bene in fondo al cuore che si trattava di una cosa sbagliata, fidandosi per il proprio comodo di chi gli aveva chiesto quel consiglio.

Pure costui lo inganna, tra l’altro: perché il Papa non può aprire e chiudere le porte del Paradiso a piacer suo. Ma lui, secondo Dante, finirà tra i simoniaci del canto XIX e non tra gli ingannatori.

 

In Wikisource c’è il testo dell’intero canto (e dell’intera Commedia).

 

 

 

[1] Metafora: diminuire le attività mondane e cominciare a pensare al riposo (eterno). Le sartie sono le funi con cui si gestiscono le vele.

[2] Guido era stato un condottiero, famoso per l’intelligenza e la scaltrezza.

[3] Entrò nell’ordine francescano, dopo una vita molto ma molto movimentata; era anche stato scomunicato più d’una volta, tanto per rimanere in ambito di religione.

[4] Il papa Bonifacio VIII e la sua curia. Non sta dicendo che tutti i cattolici sono ipocriti. Sta dicendo che erano ipocriti quelli che seguivano Bonifacio VIII.

[5] Il Laterano, in Roma, era allora la sede del Papa.

[6] La città di Acri fu assediata e vinta dai Saraceni nel 1291; quanto ai mercanti, la Chiesa aveva proibito ai cristiani di commerciare con i mussulmani di Terrasanta. Commerciare con un popolo nemico, in effetti, sarebbe stato più o meno come vendere armi a paesi in guerra e contemporaneamente promuovere conferenze di pace; vi ricorda qualcosa? Ovviamente, il divieto non funzionava, esattamente come non funzionano le conferenze di pace.

[7] Il cordone da francescano, appunto, che era segno della povertà in cui vivevano coloro che ne erano cinti.

[8] Gli parve peggio, cioè, disobbedire al Papa che consigliargli un inganno per far cadere la città. Ma non è una posizione seria, perché cede a una promessa che gli fa comodo. Infatti, la prima reazione era stata di pensare che erano parole folli.

[9] Ecco perché è un “consiglio fraudolento”: perché è proprio una frode, un inganno, non un’astuzia tattica ma una vera vigliaccata.

Commenti disabilitati

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: